Set 28, 2007
268 Views
0 0

Figlio d’un cane

Written by

Abituato a morso e fuga
mi sporco di fango catrame e di ruggine
L’istinto mi spinge a un sole che mi asciuga
a un metro dalla grandine
E fra un po’ si torna in calore e lo sai
che per qualcuno è comodo.
C’è una cuccia un osso e un padrone per noi.
Identità:
figlio d’un cane
figlio d’un cane
figlio di cinque minuti
Identità:
figlio d’un cane
figlio d’un cane
figlio d’un equivoco
Identità:
figlio d’un cane
figlio d’un cane
figlio d’amplessi rubati
Identità:
figlio d’un cane
figlio d’un cane
figlio di un preservativo rotto
E allora ululo ed alzo il bicchiere
fra sassi, scarponi e bestemmie che tirano.
Ed ululare è un sollievo
e un piacere
che almeno do fastidio un po’
E ogni tanto ciotole piene che poi
non brontoli lo stomaco
briciole ed avanzi di ieri per noi.

Article Categories:
Ligabue

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *