Ott 25, 2008
198 Views
0 0

Niente diffamazione, Ligabue prosciolto

Written by

Non erano diffamatorie le parole che Luciano Ligabue scrisse ai propri fans per scusarsi dell'acustica non certo eccellente nel concerto-evento celebrato al Campovolo il 10 settembre di tre anni fa. A prosciogliere la rockstar correggese dall'accusa di diffamaazione, mossale dal titolare della società che aveva l'appalto del servizio d'amplificazione del concerto tenutosi a FestaReggio, è stato il gup Riccardo Nerucci. Il magistrato non ha infatti ravvisato alcun contenuto diffamatorio nella lettera apparsa sul sito web del cantante.

Che, da quanto scrive il gup motivando il proscioglimento, «ha esercitato il diritto costituzionalmente sancito di manifestare il proprio pensiero e giudizio dando una versione su quanto oggettivamente accaduto quella sera». Da qui l'archiviazione del caso, così come richiesto dallo stesso pubblico ministero Giampiero Nascimbeni. Chiuse le indagini, il pm era giunto alla conclusione che la notizia di reato fosse infondata, non rilevando intenti denigratori nella lettera di Ligabue scritta «con toni moderati e sorretta dal legittimo diritto di critica». Il rocker _ difeso dai legali Patrizio Visco e Roberto Sutich _ aveva risposto alla denuncia con una corposa memoria scritta, in cui si sottolineava anche che la diffamazione non era ravvisabile perché chi aveva presentato la denuncia non veniva mai menzionato nella lettera.

Ben diversa la posizione dell'avvocato aostano Giovanni Borney che assiste il titolare del servizio di amplificazione del concerto e che s'era opposto con fermezza all'archiviazione del caso. «Ligabue _ aveva spiegato al termine dell'udienza preliminare _ ha accusato ingiustamente il mio assistito dicendo che il service non aveva mantenuto gli impegni presi. Non è andata così e i problemi audio registrati al concerto non sono imputabili al mio cliente».

Fonte: Linda Pigozzi http://gazzettadireggio.repubblica.it

Article Categories:
Notizie

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *